Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Diverse sono le preghiere per chiedere al Santo Niño de Atocha di aprire le strade, per la protezione, la salute e nelle situazioni difficili.

Questa immagine è la rappresentazione di Gesù bambino. Si veste come un pellegrino di Atocha, in Spagna, con fedora, mantello e bastone (noto come “zucca”) dove appende una bottiglia per l’acqua e nell’altra porta un cesto per il pane. 

A causa della colonizzazione, questa devozione ha raggiunto con forza l’ America centrale e meridionale , ma il Messico è uno dei paesi in cui la fede nel Santo Niño de Atocha è più radicata.

Qual è l’origine del Santo Niño de Atocha?

Quando la Spagna fu invasa dai musulmani nel XIII secolo, imprigionarono tutti coloro che praticavano la fede cristiana. Sono stati privati ​​di cibo e bevande come punizione per le loro convinzioni e non sono state autorizzate nemmeno a visitarli, tranne se erano bambini.

I prigionieri disperati hanno pregato per la misericordia. La leggenda narra che un bambino apparisse ogni giorno e portasse loro cibo e bevande e anche quando tutti saziarono la fame e la sete, il cestino e la zucca del bambino erano ancora completamente pieni. 

Lo collegarono alla moltiplicazione del cibo che Gesù fece e la fede fu presto installata nel Santo Bambino di Atocha, protettore dei prigionieri e dei criminali; anche dai narcotrafficanti. Pablo Escobar, il capo colombiano, era un grande devoto del Niño de Atocha. Allo stesso modo, si presume che sia una figura di fede da parte di Joaquín “El Chapo” Guzmán.

Preghiere al Santo Bambino di Atocha

Preghiera per aprire la strada nelle situazioni difficili

Clemente e gentile Infante de Atocha,
vengo davanti a te per dirti quanto ti amo e ho bisogno,
voglio che tu volga i tuoi occhi misericordiosi verso di me
e veda la disperazione e l’afflizione che mi travolge.

Ho fatto tutto ciò che era in mio potere
ma i miei problemi sono seri e non ho trovato una soluzione.

Tu, che sei così miracoloso, non allontanarti da me:
ti chiedo ardentemente di inviarmi il tuo aiuto,
ti chiedo urgente conforto e aiuto.Saggio e Santo Bambino di Atocha,
protettore di tutti gli uomini, rifugio dei diseredati,
guaritore divino di ogni malattia.

Potentissimo Bambino:
Ti saluto, ti lodo in questo giorno e ti offro queste preghiere:
(tre Pater, tre Ave Maria e tre Glorie),
in ricordo del cammino che hai fatto
incarnato nella più pura e immacolata grembo
della tua dolce e amorosissima Madre,
dalla santa città di Gerusalemme a Betlemme.

Per la fede che ho in te, ascolta le mie preghiere,
per la fiducia che ripongo in te, concedimi ciò che umilmente chiedo:

(Fare la richiesta).

Io, che ti amo sopra ogni cosa,
voglio lodarti incessantemente,
insieme ai cori dei Cherubini e dei Serafini,
adorni della più perfetta sapienza.

Spero, preziosissimo Santo Bambino di Atocha, una
felice risposta alla mia supplica.

So che non vi lascerò sconsolati,
e che mi concederete anche una buona morte,
per accompagnarvi nella Betlemme della Gloria.

Amen.

(Pregate tre Padre Nostro, tre Ave Maria e Gloria)

Preghiera per la salute

Oh caro e dolce Santo Bambino della Salute!, Mio amato Bambino, mia grande consolazione:
vengo alla tua presenza gravato dalle sofferenze causate dalla mia malattia,
e mosso dalla più grande fiducia per implorare il tuo divino aiuto.

So che quando eri in questo mondo avevi pietà di tutti quelli che soffrivano,
specialmente quelli che erano tormentati dal dolore.

Per l’amore infinito che dovevi dare, li guaristi dai loro mali e dolori,
ei tuoi miracoli furono la dimostrazione palpabile della tua bontà, amore eterno e misericordia.

Perciò, o caro Bambino della Salute!, mio ​​amato Bambino, mia grande consolazione,
ti chiedo umilmente di concedermi la forza necessaria per sopportare il dolore, il
sollievo e la consolazione nei momenti più difficili e soprattutto, grazia molto speciale,
per guarire il mio vigore, la mia energia, la mia salute, se conviene al bene della mia anima.

Con esso potrò lodarti, ringraziarti e adorarti per tutta la vita. Amen.

Add Comment